Curiosità cinofile

Cane percorre 6km ogni notte per portare cibo ai suoi amici animali

lilica-850x567Gli esseri umani fanno spesso fatica a condividere e ad aiutare gli altri, e per questo una storia che arriva dal mondo animale colpisce ancora di più. Lilica, una cagna meticcia, era stata abbandonata da cucciola in una discarica, ed era stata “adottata” da Neile Vaina Antonio, il custode dell’area. Crescendo ha fatto amicizia con gli altri numerosi animali che vivono nella discarica. Tre anni fa, Lilica è rimasta incinta, dando alla luce otto cuccioli: poiché c’era poco cibo nella discarica, ha iniziato ad andare in giro di notte in cerca di avanzi. Una notte, Lilica ha incontrato Lucia, amante degli animali che ha subito capito che la cagna stava cercando del cibo, e impietosita le ha dato qualcosa da mangiare. Dopo aver mangiato un po’ ha preso in bocca la busta dove c’era il cibo ed è andata via. “Allora il giorno dopo, quando ha smesso di mangiare, ho chiuso il sacchetto, e lei lo ha portato via. Da allora è così che facciamo: io chiudo il sacchetto e lei lo trasporta”. Lilica porta il sacchetto alla discarica, dando così da mangiare ad altri 13 cani e 30 gatti randagi, nonostante nel frattempo i suoi otto cuccioli siano stati dati in adozione: non si tratta dunque di “semplice” istinto materno, ma di amicizia verso gli altri animali della discarica. (fonte: http://notizie.delmondo.info/2015/01/27/cane-percorre-6km-ogni-notte-per-portare-cibo-ai-suoi-amici-animali/)

Un collare per cani che capisce se è pigro oppure allenato

cane-al-guinzaglioUn'interessante oggetto per capire se il cane è pigro oppure no. Come sempre queste fantasiose invenzioni provengono dal Giappone. Ecco di cosa si tratta. Per verificare se il proprio cane e' troppo pigro o fa abbastanza esercizio e' in arrivo un pedometro dedicato proprio ai quattrozampe che si attacca al collare. A realizzarlo l'azienda giapponese Fujitsu, che lo ha corredato anche di un sito dedicato dove controllare i progressi dell'animale. Il dispositivo si chiama 'Wandant', da 'Wan', che in giapponese e' il nostro 'bau' e 'pendant', e conta quanti passi il cane ha fatto nell'ultima passeggiata, mettendo la cifra direttamente sul sito personale dell'animale. Tramite Wandant e' possibile anche misurare la temperatura, mentre il diario online contiene anche spazi a cura del padrone sull'alimentazione e sulle condizioni delle feci: "I dati sono presentati in grafici facili da consultare - spiega il comunicato dell'azienda - cosi' i padroni possono avere una fotografia oggettiva dello stato di salute dei propri cani".

I cani ci capiscono molto meglio degli scimpanzé

th_450026599_1376567Fido sa capire dove è nascosto un gustoso spuntino semplicemente ascoltando il suono della voce umana. Un'abilità che i nostri "cugini" primati non hanno.

Il titolo di "miglior amico dell'uomo" non gli è certo stato dato a caso. Fido ci conosce meglio di qualunque altro animale e ci sono alcune cose che è il solo a saper fare: una di queste è la capacità di individuare un ghiotto spuntino affidandosi esclusivamente all'intonazione della voce umana. Un'abilità che nemmeno gli scimpanzé, i nostri più vicini cugini, possono vantare, come rivela una ricerca del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology di Lipsia (Germania).

Il labrador Lab smaschera gli abusi della babysitter

Il comportamento iperprotettivo nei confronti di un bimbo di sette mesi svela le violenze ai genitori Lo ha protetto sin da piccolo. Ha urlato, anzi abbaiato, sin quando gli hanno dato ascolto. E così è stata evitata una tragedia. Tutto è avvenuto a Charleston, South Carolina (Stati Uniti). Protagonista eroe il labrador Lab. Protagonista malvagia la babysitter 22enne Alexis Khan. Leggi di più...

Abruzzo: dall’estate 2014 libero accesso degli amici a quattro zampe nelle spiagge

ABRUZZO – Una nuova legge meno restrittiva è stata approvata lo scorso mercoledì, 9 aprile, e consentirà ai cani e gatti l’accesso a tutto il litorale abruzzese sempre nel rispetto delle vigenti normative in materia di sanità e sicurezza. L’Abruzzo è così una delle prime regioni in Italia ad attuare questo cambiamento con la grande soddisfazione da parte della Lega Nazionale per la Difesa del Cane. Proposta del consigliere Riccardo Chiavaroli e sottoscritta da Maurizio Acerbo, Marinella Sclocco, Nicola Arigirò, Walter Di Bastiano, Gianfranco Giuliante, Emilio Nasuti, Nicoletta Verì, Lucrezio Paolini, Antonio Prospero e Carlo Costantini, la legge sarà dunque meno restrittiva rispetto alla precedente dove si lasciava l’onere di accettare in spiaggia gli animali eccedenti le taglie, indicate nella stessa, ai singoli Comuni. Già nel 2013 la Lega Nazionale per la Difesa del Cane si era battuta per superare questa situazione ottenendo il via libera almeno per il litorale pescarese attraverso un’ordinanza che permettesse e regolamentasse l’accesso degli animali sul tratto di balneazione competente, oltre i limiti fortemente restrittivi della vecchia legge, informando e sensibilizzando i cittadini con la campagna “Pescara città Animal Friendly”. Sottolinea la Lega Nazionale per la Difesa del Cane in una nota come: “Con la nuova legge viene garantito ed esteso pertanto l’accesso a tutto il litorale abruzzese, nel rispetto delle vigenti normative in materia di sanità e sicurezza. Il pet owner dovrà essere in regola con la profilassi vaccinale e seguire le norme igienico sanitarie. Gli animali dovranno esser sempre accompagnati e sorvegliati, con particolare riguardo per la loro tutela e benessere. I cani in particolare dovranno esser identificabili tramite microchip per legge, e a tal proposito la LNDC consiglia di dotarli di una targhetta con i propri riferimenti per ogni evenienza. É consentito lo stazionamento degli animali anche nel perimetro degli ombrelloni, sempre nelle immediate vicinanze del proprietario o custode, e in qualsiasi caso è garantito il libero accesso dei cani guida per non vedenti. Vige naturalmente per chi ha un animale, che sia in spiaggia o meno, l’obbligo alla rimozione delle deiezioni. Sarà possibile, qualora non sia espressamente vietata, la balneazione, sotto stretta sorveglianza del proprietario o chi ne fa le veci. É vietato invece l’ingresso a particolari luoghi, ovvero piscine, docce, aree giochi per bimbi. Vengono infine riportate l’indicazione a creare apposite aree dedicate agli animali, per ristoro, abbeveraggio e gioco nel rispetto dei piani spiaggia, e la pubblicazione sui siti internet della regione di un’apposita sezione contenente gli elenchi di tutte le aree che consentono l’accesso ai cani, ai gatti, e i servizi loro offerti”. La Lega Nazionale per la Difesa del Cane auspica che la legge venga prontamente recepita da tutti gli enti locali, le strutture ricettive e la cittadinanza, per far sì che abbia valore oltre la carta. Una regione come l’Abruzzo ha da offrire molto ai turisti, e l’offerta di turismo a sei zampe è certamente un valore aggiunto alle bellezze di questa terra.